Riflessioni… Ama i tuoi Nemici

Ciò di cui abbiamo bisogno in questi giorni e in queste circostanze internazionali, regionali e locali di seguire la parola di Gesù Cristo: “Ama i tuoi nemici”. È chiaro che è un appello ad affrontare contraddizioni, disaccordi e odi con amore, non con violenza. Tuttavia, è un peccato che la violenza sia il primo metodo utilizzato dagli oppositori per risolvere i propri problemi. Violenza psicologica, verbale e fisica. È anche un peccato che le persone non abbiano imparato dalle loro esperienze passate a cosa porta la violenza. Quale guerra ha vinto senza perdere? Quali parole rozze non hanno danneggiato il suo proprietario con il danno che ha inflitto all’altro? Troviamo questa situazione diffusa in tutta la terra, in tutte le società, in tutti i paesi e tra tutte le religioni… È strano che nessuno dei contendenti abbia pensato che la ripetizione della stessa azione avrebbe portato allo stesso risultato. Quello che è successo oggi in Ucraina, nel corso di un mese, ha bisogno di decine di anni per rimediare ai suoi danni. Quello che sta succedendo in Medio Oriente ha bisogno dello stesso periodo. La causa palestinese non è diversa da questo caso. E la situazione libanese non si discosta da questa regola: qualche disaccordo tra noi che non si è protratto negli anni per uscire da queste complicazioni? In questa stagione elettorale abbandoniamo la violenza verbale, i discorsi offensivi, il ridicolo, il ridicolo dell’altra opinione e gli insulti personali, ma quel che è peggio è che questa situazione si sta diffondendo tra gli intellettuali come tra il grande pubblico. Sì, come trattiamo questa condizione? Ci sono vari metodi: tra cui il metodo di risoluzione delle controversie, che è un’abilità del ventunesimo secolo. Nessuno è d’accordo sul fatto che c’è una forza nell’amore che nessun’altra virtù possiede. L’amore ci rende pazienti, sopportando le difficoltà e inesorabilmente al di sopra della responsabilità per gli errori, quindi affrontiamo le questioni con calma, dolcezza e gentilezza. L’amore non perdona gli errori, né chiude un occhio. Piuttosto, lo tratta con clemenza, nobiltà, comprensione, imparzialità e ricerca dell’interesse pubblico… Rispondere a un insulto con un insulto equipara il calunniatore al calunniato e degrada entrambi. Affrontare le rivalità con amore significa rinunciare all’orgoglio personale, non alla dignità. Questo Significa apertura all’altro e ricerca delle ragioni che lo hanno portato alle sue posizioni. Significa anche capire le sue paure, i suoi obiettivi, i suoi punti di partenza… e rassicurarlo e aiutarlo sinceramente ad uscirne. Questo richiede la ricerca di punti di convergenza su cui basarsi nell’affrontare i punti di differenza. Adottare la “capacità di risoluzione dei conflitti” richiede definire accuratamente il problema, ricercarne le cause, studiarne i risultati, quindi presentare possibili soluzioni, classificare le soluzioni in base all’efficacia di ciascuna di esse, e sperimentarle.. fino a quando si raggiunge il risultato desiderato. Nell’applicare questi due metodi all’attuale situazione libanese, dobbiamo abbandonare alcuni dei meccanismi che abbiamo provato in precedenza e non hanno dato il risultato che cercavamo. Discorsi duri, insulti e tradimenti… non ci hanno fatto bene. Perché tenerle strette? Tutti coloro che si occupano di affari pubblici in Libano dichiarano che combatteranno la corruzione (e questo è un esempio che vale per tutti i nostri problemi). Questa è una dichiarazione di intenti. Praticamente nessuno ha offerto una soluzione a questo problema. Piuttosto, tutti si sono rivolti al dire che la causa dei conflitti e le corruzioni sono colpa  di un altro e con questa accusa di corruzione  si sono giustificati da essa. Questo metodo ci porta a due cose: o sono tutti corrotti, o sono tutti onesti. Se fossero tutti onesti, non soffriremmo il problema della corruzione. La soluzione: studiare e identificare le manifestazioni della corruzione, le sue sedi, i suoi partecipanti e le sue cause, e fornire soluzioni realistiche ad essa, con la distribuzione dei ruoli tra le istituzioni giudiziarie e amministrative dello Stato. A meno che un partito non ci presenti un tale studio (dai partiti lealisti, dall’opposizione e dalle forze del cambiamento), non siamo sicuri delle loro capacità di risolvere, o della loro capacità di farlo, o del loro sincero desiderio di trattare questo flagello. Signori, invece di accusarci, insultarci, o al massimo biasimarci per le parole oggettive con cui  rispondiamo, impegnatevi a cambiare il vostro modo di lavorare per cambiare le situazioni di cui ci lamentiamo.

Infine il mio consiglio è di Restate UMANI e pensate al prossimo e al futuro dei nostri familiari e figli.

S.v. Doreid Mohamad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.